CORSO ABILITANTE PER CUSTODE GIUDIZIARIO E DELEGATO ALLE VENDITE, aggiornato al D.Lgs 149/2022

780,00

Corso in diretta

6 incontri tra gennaio e febbraio 2024 dalle ore 15 alle ore 19. La partecipazione all’intero corso darà diritto all’acquisizione di 12 CFP.

COD: Custode abil Categoria: Tag:

Il corso abilitante si svolgerà in videoconferenza secondo un calendario di 6 incontri pomeridiani per un totale di 24 ore di lezione di cui 4 ore dedicate ad una fase di tutoraggio professionale ed approfondimento di casi pratici, per consentire ai discenti di acquisire una effettiva operatività pratica oltre che teorica e ricevere in diretta le risposte ai loro quesiti.

Date e orari

6 lezioni dalle 15 alle 19: 15, 22, 29 gennaio; 5, 12, 19 febbraio 2024.

Destinatari e obiettivi formativi

È rivolto a tutti i professionisti iscritti all’Albo degli Avvocati, dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e dei Notai che intendono iscriversi nell’elenco dei custodi giudiziari e delegati alle vendite al fine di conseguire l’incarico di esperto che provvede alle operazioni di vendita.

Programma

1° incontro | 15 gennaio | relatore: Avv. Nunzio Costa
PRINCIPI GENERALI SULLE ESPROPRIAZIONI FORZATE
Espropriazione forzata
● Titolo esecutivo e il precetto e il principio “nulla executio sine titulo”.
● Titolo esecutivo giudiziale e stragiudiziale e i requisiti di certezza, esigibilità e liquidità.
● Principi generali che governano la sospensione e la caducazione dei titoli esecutivi:
○ le vicende “esterne” (ad esempio, esito delle impugnazioni proposte contro la sentenza di condanna)
○ le vicende “interne” alla procedura esecutiva (sospensione per gravi motivi del titolo in sede di opposizione all’esecuzione)
● L’individuazione dei soggetti legittimati, nella procedura esecutiva, in base al contenuto del titolo e alle regole in tema di successione soggettiva nello stesso dettate dall’art. 477 c.p.c.
● Gli atti prodromici alla procedura esecutiva:
○ la notifica del titolo esecutivo
○ la notifica dell’atto di precetto e il suo contenuto
● Principi sottesi all’espropriazione forzata:
○ la soddisfazione del creditore mediante la liquidazione in denaro dei beni del debitore
○ le fasi della procedura
Espropriazione forzata immobiliare
● Trascrizione dell’atto di pignoramento.
● Contenuto dell’atto di pignoramento e la corretta individuazione del bene e le conseguenze di un’erronea individuazione dei beni pignorati, i limiti entro i quali è ammessa una rettifica del pignoramento.
● Soggetto passivo dell’espropriazione immobiliare in caso di decesso del debitore anteriore al pignoramento, con specifico riguardo alla frequente situazione di soggetti chiamati
all’eredità che non hanno ancora accettato la stessa.
● Documentazione c.d. ipo-catastale.
● Termini e modalità di deposito anche alla luce delle recenti modifiche introdotte in senso acceleratorio:
○ nozione e certificazione notarile sostitutiva
○ problematiche peculiari (es. immobili abusivi o beni assoggettati ad usi civici) e possibilità/modalità di risoluzione delle stesse
● LABORATORIO, SIMULAZIONI E DISCUSSIONE

2° incontro | 22 gennaio | relatore: Avv Nunzio Costa
CUSTODIA DEI BENI PIGNORATI
Principi generali sulla custodia dei beni pignorati
● Evoluzione della figura del custode dall’assetto anteriore alle riforme del 2005 a quello attuale, le buone prassi degli uffici giudiziari seguite da successivi interventi del Legislatore.
● Ruolo, poteri e doveri del custode giudiziario.
● Attività di conservazione del bene pignorato.
● Gestione “dinamica” del bene pignorato (la riscossione dei canoni di locazione, la stipula di contratti temporanei di locazione) e la visita del bene pignorato.
● Attività di gestione del bene pignorato.
● Legittimazione processuale.
● Attività del custode propulsiva e successiva alla pronuncia dell’ordine di liberazione
dell’immobile pignorato:
○ la segnalazione al giudice dell’esecuzione di condotte ostruzionistiche o dannose del debitore che vive nel bene
○ la valutazione della sussistenza di titoli che consentono ai terzi la legittima detenzione del compendio
○ l’attuazione dell’ordine di liberazione, eventualmente anche dopo la pronuncia del decreto di trasferimento
● Criteri per la determinazione del compenso del custode.
Ordine di liberazione: tratti salienti e novità
● Immobile adibito ad abitazione principale del debitore e dei suoi familiari.
● Immobile non adibito ad abitazione principale del debitore e dei suoi familiari.
● Immobile occupato da terzi cum titulo.
● Immobile occupato da terzi sine titulo.
● Il nuovo articolo 560 c.p.c.
DELEGA ALLE OPERAZIONI DI VENDITA
Professionista delegato
● Delega alle operazioni di vendita: l’ampliamento dei compiti demandati ai professionisti delegati da ultimo con la riforma c.d. Cartabia di cui al D.lgs. n. 149 del 2022.
● Operazioni preliminari e l‘analisi della documentazione ex art. 567 c.p.c.
● Operazioni di stima e la collaborazione tra il CTU e il custode.
● Verifiche necessarie ai fini della stabilità degli effetti della vendita.
● Criticità nascenti dalla documentazione ipocatastale.
● Descrizione dell’immobile ai fini dell’ordinanza di delega.
● Ordinanza di delega e il “programma della vendita” – aspetti critici della “vendita privata” (cenni).
● LABORATORIO, SIMULAZIONI E DISCUSSIONE

3° incontro | 29 gennaio | relatore: Dott.ssa Federica Volontiero
FASE DELLA VENDITA
Operazioni di vendita
● Udienza di autorizzazione alle operazioni di vendita.
● Avviso di vendita: pubblicità, notifiche e il fondo spese.
● Estinzione della procedura prima dell’aggiudicazione definitiva e il caso di estinzione della procedura esecutiva ex art. 631 bis c.p.c. per omessa esecuzione delle forme di pubblicità
(Cassazione n. 8113/2022)”.
● Vendita diretta introdotta dalla legge delega 26.11.2021 n. 206 e recepita negli artt. 568 bis e 569 bis del c.p.c.
● Gli effetti dell’apertura delle procedure concorsuali sull’esecuzione forzata in corso con particolare riferimento alla dichiarazione d’improcedibilità dell’esecuzione forzata dopo
l’aggiudicazione dell’immobile.
Vendita telematica
● Vendita telematica (asincrona, sincrona, mista).
● Offerta telematica.
● Esclusione di un offerente dalla vendita e legittimazione a proporre opposizione ex art. 617
c.p.c.: la pronuncia della Cassazione n. 23338/2022.
● Procedimento di vendita e i criteri di aggiudicazione.
● Interlocuzione tra delegato e giudice dell’esecuzione: l’art. 591 ter c.p.c.
● Aggiudicazione del bene e l’art. 187 bis disp. att. c.p.c. , la decadenza dell’aggiudicatario e le conseguenze degli esiti negativi dei tentativi di vendita.
Aggiudicazione del bene
● Versamento del saldo prezzo.
● Termine per il versamento.
● Modalità peculiari di versamento: il pagamento diretto al creditore fondiario e l’erogazione di finanziamento all’aggiudicatario.
● Il c.d. mutuo contestuale e adempimenti del professionista delegato.
● Gli atti emanati dal delegato nella procedura di vendita e il ricorso ex art. 591 ter nel sistema attuale e nella riforma delineata dalla legge n. 206 del 2021.
● L’estinzione della procedura prima dell’aggiudicazione definitiva e la rateizzazione del pagamento del prezzo.
● Assegnazione del bene al creditore e l’assegnazione a favore di un terzo.
● LABORATORIO, SIMULAZIONI E DISCUSSIONE

4° incontro | 5 febbraio | relatore: Avv. Francesco Marescalco
DECRETO DI TRASFERIMENTO
Adempimenti successivi all’aggiudicazione
● Adempimenti preliminari alla predisposizione del decreto di trasferimento.
● Decreto di trasferimento: natura, forma e contenuto.
Trascrizione e profili fiscali.
● Registrazione del decreto di trasferimento.
● Problemi della trascrizione delle domande giudiziali anteriori al pignoramento e dei provvedimenti cautelari sul bene.
● Trattamento fiscale del decreto di trasferimento: imposte applicabili.
● Istanze dell’aggiudicatario: agevolazioni prima casa, applicazione del criterio di determinazione della base imponibile mediante il c.d. prezzo valore.
● Voltura catastale.
● Regime pubblicitario del decreto di trasferimento: predisposizione della nota di trascrizione.
● C.d. effetto purgativo del decreto di trasferimento: predisposizione delle annotazioni di cancellazione delle formalità mediante l’utilizzo del programma UNIMOD.
● Decreto di trasferimento come titolo esecutivo: l’ordine di liberazione.
● LABORATORIO, SIMULAZIONI E DISCUSSIONE

5° incontro | 12 febbraio | relatore: Avv. Francesca Sassano
PROGETTO DI DISTRIBUZIONE
Distribuzione del ricavato della vendita
● Il piano di riparto:
○ i principi che governano la graduazione dei crediti ai sensi degli artt. 2740 e ss. c.c.
○ i criteri distintivi essenziali tra crediti prededucibili, crediti muniti di cause legittime di prelazione e crediti chirografari
○ l’accantonamento dei crediti oggetto di accertamento
● Formazione e approvazione del progetto di distribuzione.
● Interferenze tra procedura fallimentare ed esecuzione individuale nella fase di distribuzione del ricavato.
● La distribuzione parziale: presupposti, condizioni, modalità.
● Il compenso del professionista delegato per le operazioni di vendita.
● L’udienza di discussione e il riparto cartolare avanti il professionista delegato.
● Le opposizioni distributive ed il rapporto con gli artt. 615 e 617 c.p.c.
● Il ricorso al giudice dell’esecuzione da parte del delegato per risolvere le difficoltà che si presentano nel corso degli adempimenti delegati e il ricorso al giudice dell’esecuzione da
parte di altri soggetti.
● Il reclamo contro la decisione del giudice dell’esecuzione anche a seguito della recente riforma di cui al D.Lgs. n. 149 del 2022.
● LABORATORIO, SIMULAZIONI E DISCUSSIONE

6° incontro | 19 febbraio |
4 Ore di laboratorio e preparazione all’esame

Relatori

Avv. Nunzio Costa

Avv. Francesco Marescalco

Dott.ssa Federica Volonterio

Avv. Francesca Sassano

Diplomi / certificazioni

La partecipazione al corso prevede, previo superamento prova finale prevista dalle Linee Guida della Scuola Superiore della Magistratura (art.179-ter disp. att. c.p.c.), il rilascio dell’attestato universitario valevole ad ogni effetto di legge che può essere utilizzato ai fini dell’iscrizione nei nuovi elenchi dei custodi giudiziari e delegati alle vendite.

Titolo valido ai fini della iscrizione nell’elenco dei custodi giudiziari e delegati alla vendita, aggiornato al D. Lgs. 149/2022, conforme alle linee guida generali emanate dalla Scuola Superiore della Magistratura.

Test di valutazione finale

La prova è composta da cinquanta domande, sorteggiate nell’ambito di un numero complessivo di quattrocentocinquanta quesiti predisposti dai Consigli nazionali degli Ordini professionali e sarà somministrata al termine del corso. Per superare la prova sarà necessario rispondere correttamente ad almeno trentacinque domande.

Contatti per info e assistenza

Numero verde: 800685531 | Whatsapp: 3496946391

Scrivici su WhatsApp
Messaggio WhatsApp
Torna in alto